NEWS/NEWS CALCIO NAPOLI

Europa League, AIK-Napoli: Mazzarri fa ancora turnover. Ecco chi giocherà

Buongiorno, si fa per dire: perchè alle dieci del mattino, mentre gli occhi sono ancora arrossati per la stanchezza, ciò che rimane a gironzolare nella testa è quell’occasione buttata via, un 2-0 trasformato dalla reazione del Milan in 2-2, la possibilità di avvicinare la Juventus (e di scavalcare l’Inter) mandata in fumo. E allora: si lavora, però senza cominciare a distribuire “fratini” o a caricare la lunghissima vigilia che conduce all’Aik di ulteriori pressioni. Per la formazione ci sarà poi tempo, magari stamani, avendo comunque le idee ben chiare e sapendo che pure la squadra ha intuito. Il blocchetto (un pro memoria sul minutaggio) in una mano e il 3-4-1-2 già in testa: Fernandez non ci sarà (per squalifica), Behrami potrà esserci (perchè ha riposato con il Milan) e pure Cavani – volendo, e lui vorrà – potrà permettersi una razione supplementare, dovendo saltare Cagliari. Pandev resta in bilico, ma poi perchè rischiarlo, non avendo eventualmente una prima punta per Is Arenas?

TURN OVER – Si cambia, sicuramente, ripartendo dal blocco “europeo” , al quale concedere qualche integrazione. Rosati in porta, per cominciare; poi, a destra, probabile e anzi possibile e anzi quasi certo che finisca così, Campagnaro, perchè Grava non è nell’elenco e Fernandez s’è caricato di troppi gialli. In mezzo, a dirigere il reparto, tocca ad Aronica ed a sinistra un altro mancino naturale, stavolta Britos, per avvicendare Gamberini. C’è stravolgimento (e però largamente annunciato) sulle fasce: a destra, per far tirare il fiato a Maggio (ch’è in debito d’ossigeno) andrà a sistemarsi Mesto e sulla corsia opposta, naturalmente, Dossena titolare con Zuniga a meditare. Sulla mediana si può ragionare: Behrami ha evitato il Milan, dunque ha energie nascoste, e gli va scelto un partner, con Donadel favorito su chiunque altro. E’ legittimo il dubbio pure sulla tre quarti, al solito terra inavvicinabile, perchè occupata da Hamsik: ma stavolta, dovendo dosare le forze, una staffetta potrebbe rientrare nel progetto, ma cominciando con Dzemaili.

TURBO EDU – E poi c’è Vargas, che ha avuto chanches in Europa League (tre reti all’Aik, ma solo quelle) e ne ha conquistato di meno in campionato. Ma giovedì sera, pure dal punto di vista tecnico (e magari psicologico), le condizioni potrebbero essere diverse, potendosi permettere d’avere al fianco l’autorevole Cavani: un tutor, un ispiratore, un “garante”, una stella da seguire, da cui farsi illuminare in quella che può rappresentare l’ennesima opportunità ma anche una delle ultimissime chiamate.

Fonte: Corriere dello Sport

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...