NEWS/NEWS CALCIO NAPOLI

Cannavaro gonfia il petto: “C’è anche il Napoli”

«Il Napoli è forte e lotterà fino alla fine». All’indomani del 4-2 rifilato al Dnipro con Cavani superstar (tutte sue le reti), Paolo Cannavaro parla da capitano e da napoletano. Il difensore azzurro ai microfoni di Radio Marte commenta l’emozionante successo in Europa League e analizza la prima parte della stagione del Napoli. «È stata una vittoria importante e siamo contenti. Adesso vogliamo proseguire così anche in campionato. Però non mi piace dire che è stata una svolta perché il Napoli sta disputando una grande stagione».

«Siamo tra i primi in campionato ed in corsa in Europa League – spiega il capitano azzurro – Siamo lì, abbiamo un gruppo solido e siamo vivi. Sicuramente non abbiamo raccolto i punti che avremmo meritato in queste ultime gare di campionato. Sia con il Torino che a Bergamo abbiamo giocato bene ma non siamo stati premiati. Il rammarico è sui punti persi ma certamente sotto il profilo delle prestazioni abbiamo dimostrato di essere una squadra forte e solida. Abbiamo una mentalità ben precisa da 4 anni che ci è stata inculcata da Mazzarri e saremo sempre quelli fino alla fine».

Adesso la sfida di Marassi contro il Genoa, un campo che evoca meravigliose sensazioni ai tifosi azzurri…«Sì, a Genova è sempre una partita speciale perché ci torna alla mente il giorno della promozione in Serie A. È sempre un ricordo da brividi, ma adesso dovremo pensare al presente. Sarà una partita dura, loro giocheranno a mille perché vorranno risalire la classifica e sappiamo che ci aspetta una battaglia sportiva». «Noi siamo il Napoli e abbiamo il dovere di cercare il massimo su ogni campo – continua il difensore – Siamo consapevoli della nostra forza e cercheremo di ripetere un’altra prestazione di spessore». Infine una curiosità. Cannavaro racconta cosa ha detto, da capitano, a Edinson Cavani al termine della partita di ieri negli spogliatoi: «Gli ho detto che è stato fenomenale, perché quattro gol come i suoi non si fanno neanche in allenamento. Poi ho detto: Edi, quando si fanno tre gol si porta via il pallone, tu stasera te può porta’ a casa pure la bandierina…».

La Stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...